The Game: Un gioco che vi farà dare i numeri

the_game_gioco_di_carte.jpg

Il lavoro di squadra divide i compiti e moltiplica il successo.

Questa la base di The Game, un cooperativo astratto che tiene fino a 5 giocatori e arriva dallo stesso autore di Quixx, Steffen Benndorf apparendo al pubblico la prima volta come finalista allo Spiel des Jahres nel 2015.

Per chi non lo sapesse lo Spiel des Jahres è un premio annuale per giochi da tavola ed è considerato uno dei più prestigiosi tra i riconoscimenti in questo campo.

Peso massimo della categoria “filler” e dei giochi da viaggio il suo gancio fulminante vi farà innamorare al primo colpo!

L’obiettivo di The Game è cristallino: Riuscire a distribuire il mazzo, composto da 98 carte numerate da 2 a 99, su 4 colonne due ascendenti che partono da 1 e due discendenti che partono da 100.
Le limitazioni poste ai giocatori per rendere questo compito in apparenza banale un rompicapo matematico che richiederà grossa lungimiranza ed un pizzico di fortuna sono 3

1 Ogni giocatore ha l’ obbligo di giocare almeno 2 carte per turno, ripescando fino ad avere la mano piena una volta passato (il numero di carte in mano per giocatore varia a seconda del numero degli stessi)

2 Una volta posizionato un numero su una colonna esso sarà la base per quelli successivi.
Es. su una colonna ascendente piazzo un 17 il giocatore dopo di me non potrà piazzare lì il 13 come aveva preventivato e dovrà trovare qualcos’ altro da giocare per rispettare il limite della prima regola.

3 Non si possono far vedere le proprie carte agli altri giocatori o parlare di specifici numeri durante la partita, è concesso dire cose come: “Non giocare su quella colonna, lì ci penso io” ma non frasi come: “Gioca il 23 o il 24 ma se hai il 27 mi metti in difficoltà”

Tre semplici condizioni da rispettare che rendono la situazione da gestire più complessa di quello che sembra.
I giocatori però avranno a disposizione un vantaggio non indifferente, la possibilità di giocare un numero esattamente più grande o più piccolo di 10 rispetto a quello rivelato in cima ad una qualsiasi delle 4 colonne, senza dover rispettare la direzione della colonna stessa.
Es. su una colonna discendente il numero rivelato è 57, al mio turno avrò la possibilità di giocare su di essa il 67 e successivamente volendo anche il 77 recuperando così 20 numeri e avvantaggiando parecchio tutti i partecipanti.

Poco c’è da dire sulla longevità di questo titolo, che vi ritroverete a tirare fuori più di quanto non crediate, portandolo con voi anche in vacanza!

L’immediatezza delle regole e la rapida durata delle partite che risulteranno tutte diverse e sempre avvincenti lo rendono adattissimo a riempire il tempo mentre si aspetta il classico amico ritardatario in vista di una cena o anche ad essere scelto come fulcro di una serata dalle mille sfide.

La sola cosa che mi fa un po’ storcere il naso è la completa assenza di ambientazione.

Ad onor del vero gli astratti in generale non ne fanno un loro punto forte ed inoltre su un titolo così schematico e completamente numerico qualunque cosa sarebbe risultata forzata.

Il numero d’oro per questo gioco sui numeri contrariamente a quanto scritto sulla scatola è 3-5 anche se riesce a risultare interessante come solitario ma non tremate perchè per 2 sulla stessa linea c’è The Game: Faccia a faccia realizzato proprio per ovviare a questa necessità.

The Game

The Game – Faccia a Faccia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *